Skip to content

A ciascuno il suo

25 ottobre 2009

– Si chiama Raganà ed è un delinquente.
– Esatto: uno di quei delinquenti incensurati, rispettati, intoccabili.
– Lei crede che sia ancora oggi intoccabile?
– Non lo so, probabilmente arriveranno a toccare anche lui…
Ma il fatto è, mio caro amico, che l’Italia è un così felice paese che quando si cominciano a combattere le mafie vernacole vuol dire che già se ne è stabilita una in lingua…

Leonardo Sciascia, “A ciascuno il suo”, 1966

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: